Mantegna e le “delizie” estensi, in Mantegna e Roma