Armonia e costrizione nella Repubblica di Platone