Barbieri, angeli, muratori e torri. Elogio della complessità