Parmenide al bivio. Per un'interpretazione del proemio