Episteme, doxa e anamnesi nel Menone di Platone