Sulla linguistica comparata di Leopardi