Le "navi" e i "cavalli": per una rilettura del Mediterraneo pienomedioevale