Da luogo dell'assenza a teatro della significazione: l'isola in "Foe" di J. M. Coetzee