Su alcune costanti dell'eroe comico in Aristofane