Una nota sull'equilibrio di Lindahl e la tassazione correttiva nel welfarismo esteso