L’isola di Sacca San Biagio a Venezia, deposito di ceneri del vecchio inceneritore della città, può diventare un’isola-laboratorio per lo studio di tecnologie verdi finalizzate al risanamento di siti inquinati. In questo lavoro sono riportati i risultati di una ricerca sullo stato della vegetazione spontanea dell’isola e sulla presenza di microrganismi benefici, i funghi micorrizici arbuscolari (MA), fondamentali per il biorisanamento dell’ambiente. Lo studio ha permesso la valutazione del processo in atto di colonizzazione spontanea dell’isola da parte della vegetazione e dei funghi MA ad essa associati. L’effetto positivo di tali funghi simbionti è stato messo in evidenza dalla presenza nel suolo dell’isola di significative quantità di glomalinrelated soil protein (GRSP), una proteina fungina di grande efficacia nel processo di trasformazione delle ceneri dell’isola in suolo fertile. L’identificazione delle specie fungine e la loro presenza nella comunità vegetale dell’isola di Sacca San Biagio rappresenta, inoltre, il primo passo verso l’acquisizione di ceppi fungini resistenti ai metalli pesanti, da utilizzare nei programmi di rivegetazione o biorimedio di siti inquinati o fortemente disturbati.

Vita dalle ceneri: la rivegetazione spontanea dell’isola inceneritore di Venezia

BEDINI, STEFANO;TURRINI, ALESSANDRA;GIOVANNETTI, MANUELA
2010

Abstract

L’isola di Sacca San Biagio a Venezia, deposito di ceneri del vecchio inceneritore della città, può diventare un’isola-laboratorio per lo studio di tecnologie verdi finalizzate al risanamento di siti inquinati. In questo lavoro sono riportati i risultati di una ricerca sullo stato della vegetazione spontanea dell’isola e sulla presenza di microrganismi benefici, i funghi micorrizici arbuscolari (MA), fondamentali per il biorisanamento dell’ambiente. Lo studio ha permesso la valutazione del processo in atto di colonizzazione spontanea dell’isola da parte della vegetazione e dei funghi MA ad essa associati. L’effetto positivo di tali funghi simbionti è stato messo in evidenza dalla presenza nel suolo dell’isola di significative quantità di glomalinrelated soil protein (GRSP), una proteina fungina di grande efficacia nel processo di trasformazione delle ceneri dell’isola in suolo fertile. L’identificazione delle specie fungine e la loro presenza nella comunità vegetale dell’isola di Sacca San Biagio rappresenta, inoltre, il primo passo verso l’acquisizione di ceppi fungini resistenti ai metalli pesanti, da utilizzare nei programmi di rivegetazione o biorimedio di siti inquinati o fortemente disturbati.
Bedini, Stefano; Argese, E.; Turrini, Alessandra; Giovannetti, Manuela
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
2010 Bedini et al. 2010 Ambiente Risorse Salute.pdf

solo utenti autorizzati

Tipologia: Versione finale editoriale
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 342.14 kB
Formato Adobe PDF
342.14 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11568/211331
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact