Marchi collettivi: utili, ma difficilmente decisivi