Le reminiscenze dell'Alcesti nell'elegia IV 11 di Properzio