A proposito dell'immortalità di "Maometto e Carlomagno" (o di Costantino)