Autografi "antichi" e edizioni moderne. Il caso Sacchetti