Riscrittura aretiniana di una scena della "Mandragola"