Avendo lavorato, come allieva di Luigi Blasucci, al teatro di Machiavelli, ho proposto qui un contributo relativo al riuso aretiniano di una scena della "Mandragola" che mostra da un lato la grande popolarità ottenuta anche in senso propriamente scenico del capolavoro di Machiavelli, ma anche la capacità di Aretino di manipolazione e rifunzionalizzazione del messaggio, attuando quest'operazione in maniera scoperta, ossia mostrando al pubblico il modi in cui personaggi e situazioni particolari del modello vengono rielaborati nella "Cortigiana", prima attraverso la redazione del 1525, poi attraverso le varianti del 1534.

Riscrittura aretiniana di una scena della "Mandragola"

GUIDOTTI, ANGELA
1996

Abstract

Avendo lavorato, come allieva di Luigi Blasucci, al teatro di Machiavelli, ho proposto qui un contributo relativo al riuso aretiniano di una scena della "Mandragola" che mostra da un lato la grande popolarità ottenuta anche in senso propriamente scenico del capolavoro di Machiavelli, ma anche la capacità di Aretino di manipolazione e rifunzionalizzazione del messaggio, attuando quest'operazione in maniera scoperta, ossia mostrando al pubblico il modi in cui personaggi e situazioni particolari del modello vengono rielaborati nella "Cortigiana", prima attraverso la redazione del 1525, poi attraverso le varianti del 1534.
Guidotti, Angela
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11568/49261
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact