La "Mandragola" e il codice drammaturgico: rapporti di armonia e conflittualità