"Le bionde allegrie della natura" : qualche verifica sul giapponismo di Monet