Gianfranco Ferroni e Livorno: Dreyer e i Quattro Mori