Per un’etica della “riproducibilità tecnica” dell’iconico