Il «lato oscuro» della Rete e l’esigenza di una legislazione «responsabile». Due recenti casi emblematici