Nell’ambito di una ricerca svolta in collaborazione tra università ed industria, concernente sistemi di alimentazione innovativi a basso costo atti a ridurre le emissioni nei motori di piccola cilindrata, è stata valutata l’applicazione su un piccolo motore a 4T di un sistema di iniezione indiretta pilotato in frequenza. È stata effettuata un’indagine numerica mediante codice fluidodinamico Kiva 3v, la quale ha evidenziato il problema peculiare di tale sistema di iniezione, problema consistente in fluttuazioni del titolo tra ciclo e ciclo. La simulazione ha preso in considerazione diverse lunghezze del condotto di aspirazione e posizionamenti dell’iniettore. È seguita una sperimentazione al banco su un piccolo motore a 4T di 200 cm3 per uso stazionario. Le prove, effettuate a vari regimi di rotazione e carichi, hanno sostanzialmente validato lo studio numerico, mostrando che l’iniezione regolata in frequenza dà luogo ad una sensibilmente maggiore irregolarità ciclica del titolo rispetto all’iniezione fasata. Tale irregolarità aumenta al diminuire della distanza tra iniettore e valvola di aspirazione e risulta accettabile solo con distanze tra iniettore e valvola di aspirazione non compatibili con il reale impiego del motore, perché con tali distanze subentrano fenomeni di instabilità nei transitori e difficoltà di avviamento del motore a freddo.

Iniezione indiretta pilotata in frequenza: applicazione su un piccolo motore a 4T

Frigo Stefano;Zanforlin Stefania;Gentili R;
2006

Abstract

Nell’ambito di una ricerca svolta in collaborazione tra università ed industria, concernente sistemi di alimentazione innovativi a basso costo atti a ridurre le emissioni nei motori di piccola cilindrata, è stata valutata l’applicazione su un piccolo motore a 4T di un sistema di iniezione indiretta pilotato in frequenza. È stata effettuata un’indagine numerica mediante codice fluidodinamico Kiva 3v, la quale ha evidenziato il problema peculiare di tale sistema di iniezione, problema consistente in fluttuazioni del titolo tra ciclo e ciclo. La simulazione ha preso in considerazione diverse lunghezze del condotto di aspirazione e posizionamenti dell’iniettore. È seguita una sperimentazione al banco su un piccolo motore a 4T di 200 cm3 per uso stazionario. Le prove, effettuate a vari regimi di rotazione e carichi, hanno sostanzialmente validato lo studio numerico, mostrando che l’iniezione regolata in frequenza dà luogo ad una sensibilmente maggiore irregolarità ciclica del titolo rispetto all’iniezione fasata. Tale irregolarità aumenta al diminuire della distanza tra iniettore e valvola di aspirazione e risulta accettabile solo con distanze tra iniettore e valvola di aspirazione non compatibili con il reale impiego del motore, perché con tali distanze subentrano fenomeni di instabilità nei transitori e difficoltà di avviamento del motore a freddo.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11568/936988
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact