A distanza di un quarantennio appena compiuto dall’emanazione della Legge 517 del 1977 dobbiamo chiederci quali siano veramente gli obiettivi che la scuola come ente di formazione deve perseguire e come deve misurare il loro raggiungimento, che cosa effettivamente funziona e che cosa invece non deve più essere utilizzato nella pratica didattica, quale sia lo scopo dell’inclusione scolastica degli/lle studenti/esse con Bisogni Educativi Speciali all’interno di uno scenario più ampio che veda e preveda la vita della persona a tutto raggio, in quale modo sia possibile far sì che il docente di sostegno divenga a tutti gli effetti il docente specializzato presente in classe per tutta la classe. La possibilità di lavorare attraverso la lente della pedagogia e della didattica speciale dà l’opportunità di sminuzzare l’oggetto da conoscere, di andare ad individuare le sue strette e più intime connessioni, leggi, ragioni, e perfino conseguenze; la necessità di provare a innescare la molla dell’apprendimento – quindi la voglia di conoscere, ma soprattutto la voglia di trovare la chiave per permettere di conoscere – in un alunno con disabilità mette il docente in una situazione nuova, scatena quella competenza che talvolta continua a mancare negli insegnanti: la curiosità del ricercatore.

Le strategie didattiche come mezzo per l'inclusione

Donatella Fantozzi
2018

Abstract

A distanza di un quarantennio appena compiuto dall’emanazione della Legge 517 del 1977 dobbiamo chiederci quali siano veramente gli obiettivi che la scuola come ente di formazione deve perseguire e come deve misurare il loro raggiungimento, che cosa effettivamente funziona e che cosa invece non deve più essere utilizzato nella pratica didattica, quale sia lo scopo dell’inclusione scolastica degli/lle studenti/esse con Bisogni Educativi Speciali all’interno di uno scenario più ampio che veda e preveda la vita della persona a tutto raggio, in quale modo sia possibile far sì che il docente di sostegno divenga a tutti gli effetti il docente specializzato presente in classe per tutta la classe. La possibilità di lavorare attraverso la lente della pedagogia e della didattica speciale dà l’opportunità di sminuzzare l’oggetto da conoscere, di andare ad individuare le sue strette e più intime connessioni, leggi, ragioni, e perfino conseguenze; la necessità di provare a innescare la molla dell’apprendimento – quindi la voglia di conoscere, ma soprattutto la voglia di trovare la chiave per permettere di conoscere – in un alunno con disabilità mette il docente in una situazione nuova, scatena quella competenza che talvolta continua a mancare negli insegnanti: la curiosità del ricercatore.
Fantozzi, Donatella
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
2018-Le strategie didattiche come...-pp.1089-1095.pdf

solo utenti autorizzati

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 894.04 kB
Formato Adobe PDF
894.04 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11568/940536
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact