La "sublime trivialità" delle figure di Millet: problemi di interpretazione